Un ripasso alla storia della Coppa del Mondo di Slalom


Mi ero illuso con una domenica di sole, ma questa mattina al risveglio il cielo bigio e cupo di Londra, mi ha ricordato dove sono. Sono andato a vedere le previsioni e purtroppo nulla di buono per questa settimana oltre manica, speriamo solo che non ci sia troppo vento e pioggia a catinelle.

La 27esima edizione di una coppa del mondo che secondo me si presenta in modo strano. Infatti sembra non esserci molto interesse da parte di alcune nazioni che useranno queste cinque gare per raffinare la preparazione in vista dei mondiali di settembre alternando gli atleti.

Semplificato il programma per Londra dove le gare inizieranno venerdì con tutte le gare di qualifica, poi sabato semifinali e finali per k1 men (69 al via), C1 Women (20) e C1 men (53). Domenica le altre due categorie e cioè K1 women (46) e C2 (30).
Nel kayak maschile Sebastian Schubert detiene la coppa 2013 e sicuramente quest'anno punta a bissare il successo dello scorso anno. Il tedesco, decimo ai recenti europei a Vienna, ha cambiato barca passano da Gala a Vajda con cui ha costruito il nuovo modello "Copa". Una barca che rispetto alla sua precedente ha una maggior manovrabilità, ma ovviamente paga per linearità.

La Coppa del Mondo ha preso vita nel 1988 e in 25 anni di storia per 26 edizioni ci sono 16 vincitori in k1 men. Il record con tre coppe vinte è condiviso tra Richard Fox ('88/'89/'91), Paul Ratcliffe ('98/'99/'00) e Scott Shipley ('93/'95/'97). Poi con due ci sono Pierpaolo Ferrazzi ('90/'92), Fabian Dörfler ('05/'07), Erik Pfannmöller ('06/'08), Peter Kauzer ('09/'11). Con una vittoria Shaun Pearce ('94),Thomas Becker ('96), Thomas Schmidt ('01, Fabien Lefevre ('02), David Ford ('03), Campbell Walsh ('04), Daniele Molmenti ('10) e Etienne Daille ('12).  In questa lista abbiamo 5 tedeschi, 4 inglesi, 2 italiani e 2 francesi, 1 canadese, 1 americano e 1 sloveno

Nella Canadese biposto dominio assoluto con 10 vittorie, di cui sei consecutive (1999/2004) per Pavol e Peter Hochschorner. Con sei coppe Jiri Rohan/Miroslav Simek ('89/'95), due a Frank Adisson/Wilfrid Forgues ('96/'97) e a Ladislav e Peter Skantar ('09/'10). Con una un gruppo di sei equipaggi  e cioè nel 1988 Lecky Haller/Kamie McEwan, nel 1989 Jerome Daille/Gilles Lelievre, 1998 Roman Strba/Roman Vajs, 2005 OndrejStepanek/Jaroslav Volf, nel 2012 Pierre Labarelle/Nicolas Peschier e detentori di coppa 2013 Gauthier Klauss/Matthieu Peche.

Nella canadese monoposto è Michal Martikan ad avere più vittorie complessive con 4 vittorie,  con 3 Jon Lugbill e Gareth Marriott, i fratelli Tony e Patrice sono a quota due come per Stanislav Jazek ('99 e '11) e Robin Bell ('05 e '07), e poi una lunga lista con una vittoria per Martin Lang 1992, Lukas Pollert 1993, Stefan Pfannöller 2002, Nico Bettge 2007, David Florence 2009, Matej Benus 2010, Alexander Slafkovsky 2012 e Sideris Tasiadis 2013. In totale abbiamo 15 nomi di vincitori di Coppa del Mondo in C1 men.

E' Elena Kaliska la donna in K1 con più coppe vinte e cioè 6 ('00/'01 e poi dal '03 al '07). Seguita da Jana Dukatova ('09/'10/'11/'13). Con 3 abbiamo Myriam Fox ('89/'90/'91) e Lynn Simpson ('94/'95/'96). Con 2 Stepanka Hilgertova ('92 e '98) e poi con una Dana Chladek nel 1988, Kordula Striepecke nel 1993, Irena Pavelkova  nel 1997, Susanne Hirt nel 1999, Mandy Planert nel 2002, Jasmin Schornberg nel 2007, Kate Lawerence nel 2008 e nel 2012 Ursa Kragelj.

La Coppa del Mondo per la specialità C1 women prende vita solo nel 2010  anno in cui è la cinese Nanquin Cen a vincerla e poi due anni per Rosalyn Lawerence, mentre la detentrice è l'australiana Jessica Fox.

Una spolverata alla storia di questa manifestazione non fa mai male, giusto per non dimenticarci dei grandi personaggi che hanno fatto grande il nostro sport, magari domani ci concentriamo più sui nomi che prenderanno il via in questa edizione che prevede cinque tappe. Tre a seguire in tre rispettivi week-end Londra, Tacen e Praga, poi pausa fino alla prima di agosto per la gara a La Seu d'Urgell per chiudere la rassegna ad Augsburg due settimane più tardi.

Occhio all'onda!

0 commenti:

Posta un commento