Le nuvole ... enjoy yourself!

                           "Sono Nuvole del cielo, divinità potenti 
                            per chi non ha voglia di fare niente: 
                            sono loro che ci rendono capaci di 
                            pensare, di parlare, di riflettere, 
                            e di incantare e raggirare"
 

                                                    Socrate - Le Nuvole 




Ho come l'impressione che qui sull'isola britannica le nuvole abbiano forme,  dimensioni e colori diversi da quelle che incontro nel resto del mondo. Sono grandi e quasi sempre ben definite, io le vedo piene e cariche di energia, ma non incutono terrore, anzi offrono sicurezza e maestosità. Possono essere bianchissime  oppure nere, nere.  Sono alte nel cielo e certe volte corrono veloci, mi verrebbe da dire come il vento! Altre volte sono statiche, immobili nella loro enorme fierezza di esistere. Le nuvole mi hanno sempre attratto, mi rilassano e mi fanno pensare. Quindi sono capitato nel posto giusto perché qui il cielo cambia in continuazione e gli scenari subiscono trasformazioni enormi in pochi minuti, c'è solo il rischio di perdersi con sì tanto spettacolo  della volta celeste.  Le nuvole prendono forma anche sui miei disegni, ma spesso e volentieri la realtà supera la mia immaginazione considerando la mia arte pittorica da strapazzo.

Ancora un week-end  tranquillo prima di entrare nella settimana del 37esimo campionato del mondo di canoa slalom, il terzo che verrà disputato in Inghilterra dopo quello del 1981 a Bala, che aprì la storia per Richard Fox e  del 1995 a Nottingham, che segnò il ritorno all'oro dopo dieci anni per David Hearn.
Qui a Lee Valley si sta lavorando per far trovare tutto pronto e come sempre gli inglesi sono dei perfezionisti in tutti i sensi. Impeccabili, peccato solo che gli manchi quella fantasia e briosità che arricchirebbe il loro patrimonio genetico.
Si respira molta tranquillità durante gli allenamenti e il clima è sereno nella stragrande maggioranza degli atleti che  ho avuto modo di osservare.
Ormai  non c'è più nulla da fare, bisogna solo aspettare il fatidico: ..."3,2,1, go!" per tirare fuori tutta la rabbia, l'energia, la tecnica, la fisicità, la concentrazione, l'emozione che un campionato del mondo esige.


Nel frattempo arrivano già i primi racconti da Terni... si dice che qualche slalomist in qualifica ai Campionati Italiani Under 23 ha fatto la uno in risalita con una sola pagaiata senza fermarsi ed è letteralmente volato via! Beh le leggende nascono dai piccoli particolari che molte volte fanno la differenza, ma l'importante è come dicono gli inglesi: enjoy Yourself!

Occhio all'onda!

0 commenti:

Posta un commento