Si parte con la terza gara di Coppa del Mondo di slalom



Finalmente estate, finalmente si inizia a vivere senza il patema di vestirsi all’inverosimile. La vita così è più facile, per non parlare delle gare di canoa.
La Seu d’Urgell organizzerà questa settimana per la 13esima volta la Coppa del Mondo, dopo due Campionati del Mondo, due Europei, una Olimpiade. 
Ma veniamo al tracciato di qualifica che sembra scorrevole fin dalle prime porte. Mi piace la parte centrale e cioè dal bivio al ponte dove bisogna far scorre la canoa spingendo forte sulla pagaia. Poi si affronta il salto con una  sponda da sinistra a destra. Qui non bisognerà avere fretta di andare verso destra, nella successiva risalita, per non correre il rischio di arrivare troppo presto e piantarsi nel mortone che ha un notevole ritorno d’acqua. Nel secondo canalone c’è una combinazione “ski” decisamente marcata prima di una classicissima risalita a sinistra. Poi al salto risalita a destra. Classico anche il proseguo con una discesa sul correntone che porta verso valle. Qui sarà necessario salirci sopra per preparare al meglio l’ultima risalita del tracciato sul lato sinistro. 21 porte di cui 9 ad un palo solo tra cui 5 risalite. Le combinazioni a “ski” sono due la 9 e la 14.
Mai viste tante modifiche tra la discesa degli apripista e la decisone di approvare il percorso. E’ stato invertito il passaggio alla 9, spostate la 14 e la 20 e aggiunta una porta finale prima del traguardo. Il motivo di questa ultima aggiunta è dovuto al fatto che tra la 20 e l’arrivo c’erano più dei 25 metri previsti dal regolamento.  Un tracciato che si aggira intorno ai 92 secondi. Alberto Diez Canedo oggi è sceso con un 97 più due penalità, quindi presumibilmente staremo sotto al tempo massimo consigliato dal regolamento per il miglior kayak man.  

Xabier Etxaniz intervistato dopo la cerimonia di apertura - come sempre molto
modesta, ma sempre apprezzata 
Due parole, come sempre sui tracciatori che  sono:  Xabier Etxaniz, designato dal comitato organizzatore e Peter Hochschorner estratto dopo la fine dell’ultima sessione di allenamento di giovedì. Con il primo, attuale direttore tecnico della squadra iberica, ho lavorato a lungo quando con lui abbiamo preparato la squadra spagnola per i giochi olimpici di Beijing 2008. Xabier è stato un buon kayak, ma non ha mai avuto grandi risultati agonistici, cosa che invece ha ottenuto da allenatore. Da pochi giorni è diventato padre di Ane la bimba avuta da Maialen Chourraut bronzo olimpico a Londra 2012 e sua compagna ormai da molti anni.  
Peter è il papà dei gemelloni tre volte oro olimpici, e  sinceramente non ho ricordi di averlo visto in questo ruolo di tracciatore, sempre impegnato a fare qualche cosa per i suoi due figli. 

Il programma di gare rispetta quanto già visto ad Augsburg sette giorni orsono. Quindi venerdì qualifiche per C1 Men, C1 Women e K1 men alla mattina, poi al pomeriggio di scena K1 women e C2. 
Sabato semifinali e finali per le prime tre categorie di venerdì più gare  a squadre nel pomeriggio. Si chiude domenica con semifinali e finali per K1 donne, C2 più gare a squadre per queste categorie. 

Occhio all'onda! 

0 commenti:

Posta un commento