Monopattino


 - Ecco il messaggio immortale di Platone - 
ogni essere umano viene al mondo per creare qualcosa attraverso l’amore. Basta che si svegli, si sciacqui il viso e vada incontro con la passione curiosa di un Socrate alla giornata che nasce.  


Qualche settimana fa a Liptovsky Mikulas ho comprato un monopattino. L’ho trovato scontato del 50% è ho pensato che mi sarebbe stato molto utile per seguire gli atleti sul percorso di slalom, mai avrei immaginato che mi sarebbe servito anche per fargli capire concetti base dello slalom. Il monopattino ha anche i freni ed è  verde, bianco e nero. Si guida stando ben eretti e si spinge con una gamba, mentre l’altra è ferma al centro. Ci si alterna nella spinta così da usare tutte e due i piedi. Ci sali sopra e inizi a spingere con un piede e poi sfrutti lo scivolamento per fare strada... scivoli, scorri, le ruote girano. Tu non fai nulla e percorri comunque metri utili al tuo avanzamento. Appena inizi a rallentare via ancora qualche spinta per ritornare in quello stato sublime che lo scorrimento di un moto che ricerca il perpetuo.  Non serve continuare a spingere, si otterrebbe solo l’effetto contrario cioè quello di frenare l’avanzamento mettendo il piede in spinta. Il concetto è chiarissimo.  Bene la stessa cosa succede in canoa. Non serve continuare a forzare sulla pagaia, bisogna rispettare i tempi di reazione dell’azione messa in atto con il colpo precedente o con lo stesso colpo che si ha in acqua in quel momento. Bisogna imparare a scindere un’azione
dall’altra. Tra pagaia, corpo e canoa: effetto cause diverse.  Bene poiché il concetto era difficile da capire ho fatto scendere dalla canoa qualche mio  atleta e l’ho messo sul monopattino e voilà il concetto si è capito al volo. Cosa serve spingere in continuazione se alla fine ottieni lo stesso risultato? Ti complichi la vita per nulla, perdi energie, sei meno lucido, hai molte più possibilità di sbagliare e alla fine quando veramente serve cambiare i ritmi di trovi in affanno.  

Buona domenica a tutti e Occhio all'onda! 

0 commenti:

Posta un commento