Australian Open 2015 al via

Finalmente torniamo a vivere! Torniamo a sentire le emozioni che solo le gare possono regalare.  Non c'è nulla da fare... l'aria che si respira durante una competizione è unica, anche nella consapevolezza che quest'anno gli "Australian Open" avranno comunque  una partecipazione molto qualificata, ma poco numerosa. Poco importa perché quando si è a quel fatidico "3, 2, 1 go" il mondo prende un altro colore. Tutto si tinge di un rosso vivo e c'è spazio solo per concretizzare mesi e mesi di lavoro intenso.
 

Apertura stagionale quindi qui a Penrith su quel bacino che nel 2000 ospitò i Giochi Olimpici. Per la verità e per dovere di cronaca (nel profondo sono  sempre un giornalista con l'obbligo di informare correttamente i lettori) il 2015 dello slalom si era aperto in Nuova Zelanda alcune settimane fa con gli Oceania Championships. Gare che sono state prese poco in considerazione, tanto per dire la super favorita Jessica Fox non si è neppure scomodata di salire sul primo aereo per andare a partecipare.
Domani quindi gare di qualifica con la nuova formula che vede la possibilità di passare il turno  solo con la prima manche. In sostanza i primi 30 k1 men, le prime 20 donne in k1 e C1 men,  i primi 15 C2 e C1women, passano direttamente in semifinale. Poi nella seconda manche i restanti atleti si giocano gli altri posti rimasti.  
 

Il percorso di qualifica non dovrebbe presentare particolari difficoltà vedendo all'opera i forerunners di oggi. Tracciati che sono stati disegnati da Billaut (il tecnico francese che da alcuni anni lavora per l'Australia) in collaborazione con il responsabile tecnico delle canadesi tedesche e cioè Kaufman. Julien e Soren hanno improntato tutto sulla scorrevolezza e fluidità, siamo intorno ai 90 secondi di gara. Frose qualcosina meno per i K1 e qualcosina in più per le altre categorie. Nulla di strano o di eccitante in qualifica. Per la semifinale e finale dobbiamo attendere domani anche se sulla carta non sembra  particolarmente impegnativo dal punto di vista tecnico. Però bastano pochi centimentri in più o in meno a far cambiare ogni cosa sul disegno della mappa che ci è stata consegnata oggi. 

Al via ci sono grandi nomi nel k1 uomini  come il campione olimpico Molmenti e il vincitore delle ultime due coppa del mondo Schubert, oltre a Grimm, Biazizzo (bronzo agli ultimi mondiali a Deep Creek) e a un Delfour che ha definitivamente ottenuto la cittadinanza australiana. Al gruppetto va inserito a pieno titolo il giovane Prskavec che aveva fatto grandi cose nel 2013, mentre l'anno scorso ha faticato a confermarsi. Al via anche David Ford che il prossimo 23 marzo arriverà alla sua 47esima primavera! Peccato però vedere un campione come era lui un tempo trascinarsi a fatica giù da un percorso che certo non lo aiuta.
 

Nella canadese monoposto Benus, Gargaud, Anton e Jezek i grandi nomi, ma ci potrebbe tranquillamente stare ben tra questi anche Cipressi che da diverse settimane si trova qui ad allenarsi.
 

Il C2 sembra ad appannaggio esclusivo per i francesi e le donne in kayak vedranno partire da favorita Jessica Fox all'esordio stagionale internazionale dopo aver vinto i campionati australiani in kayak, ma ha pure  perso quelli in C1 dalla sempre affascinante Rosalyn Lawrence.
 

Tutto pronto e come sempre noi siamo qui nella speranza di riuscire a cogliere i grandi momenti che ci aspettano per condividerli su questo blog, ricordando sempre che rimango a disposizoni per domande e approfondimenti

Occhio all'onda!
 

Diretta video digita qui - 
Diretta risultati qui  -  

ECCO IL PROGRAMMA PER IL PRIMO GIORNI DI GARE  

Friday

9:00am – Forerunners
9:15am – C1M Qualification 1st Run


10:11am – K1W Qualification 1st Run

11:24am – C1M Qualification 2nd Run

11:55am – K1W Qualification 2nd Run

2:30pm – Forerunners

2:45pm – K1M Qualification 1st Run

3:58pm – C1W Qualification 1st Run

4:41pm – C2M Qualification 1st Run

5:00pm – K1M Qualification 2nd Run

5:38pm – C1W Qualification 2nd Run


0 commenti:

Posta un commento