Si parte in sordina agli Europei Slalom 2019!

Ricarda Funk si confermerà sulla vetta d'Europa anche quest'anno?

Dopo i grandi e fantasmagorici fasti e  fuochi d’artificio del 2017 in occasione dei Campionati del Mondo la Francia lancia la ventesima edizione dei Campionati Europei con una Open Ceremony decisamente povera ed imbarazzante. Certe cose è meglio farle solo se si fanno bene altrimenti rischiamo di rendere un brutto servizio al nostro amato sport. Mia nonna diceva che è meglio stare zitti e far credere di essere stupidi che aprire la bocca e confermarlo. Ecco meglio non fare che fare cerimonie di apertura come è stata fatta questa sera, tanto più se la mettiamo a confronto con quella di un anno fa a Praga… questa volta chapeaux va fatto ai cechi mentre ai transalpini bisogna tirare le orecchie. Assente, ingiustificato, pure Tony Estanguet che da quando  ha raggiunto i suoi personali obiettivi politici sportivi è sparito dallo slalom!

182 le barche al via per un totale di 173 atleti (considerando il fatto che ci sono 9 donne che parteciperanno nella doppia categoria) in rappresentanza di 25 nazioni, questi i numeri di questo  Campionato Europeo che ha preso il via oggi ufficialmente alle ore 19.40  nello stadio dell’acqua viva francese di Pau. Siamo nella regione della Nuova Aquitania nel dipartimento dei Pirenei Atlantici e si dice che nei giorni di sereno l’Atlantico lo si può vedere dalla terrazza che sporge a picco dal centro storico. Per il momento quello che noi abbiamo visto è solo tanta pioggia e tanta acqua nel canale rimodernato da poco. Ci sono due cose interessanti in questa cittadella di poco più di 80.000 persone. La prima è il castello dei conti di Foix dove nacque nel 1553 Enrico IV, il primo re   Borbone che noi italiani  ci ricordiamo bene non fosse altro per il Regno delle Due Sicilia; mentre la seconda sono le canoe olimpiche esposte all’interno del centro acquatico, qui la fa da padrona quella di Tony Estanguet, di Denis Gargaud e di Benoit Peschier che sono appese a monito di tutti i giovani che frequentano assiduamente questo centro perfetto per gli sport fluviali. 

I tracciatori sono il britannico Richard Hounslow e il francese Yves Narduzzi. Il primo è stato estratto su un gruppo di tre dove oltre a lui erano presenti il russo Alexander Lipatov e il polacco Marcin Pochwala. Da prime indiscrezioni ci saranno sei risalite sia in qualifica che in semifinale e finale, solo domani però verrà posizionato il percorso e solo allora potremo avere una idea più precisa su cosa si dovranno aspettare gli atleti.

Per seguire la gare in diretta basterà cliccare qui

Occhio all’onda e buon europeo a tutti!




 

0 commenti:

Posta un commento