C'è ancora tempo per sognare



Ci sono emozioni che si fissano nel cuore e quasi te ne dimentichi, ma possono fuoriescire  quando ritrovano improvvisamente la scintilla che le aveva generate.  Ed è successo ancora! Pensavo che dopo una settimana d'intensa passione, il mio cuore e la mia mente si fossero presi una pausa, se mai è possibile farlo quando si tratta di emozioni. Invece no! La scintilla si è riaccesa nel tardo pomeriggio, durante la Demo Run per le gare di qualifica di domani. Ero a valle della rapida più potente del "Gull River": "Where the gulls nest" - dove i gabbiani nidificano e la  pioggia sottile, sottile aveva inghiottito, con una fitta nebbilina,  il fiume  sfuocandone  colori ed immagini.   In un istante tutto ciò mi ha riportato a pagaiare su fiumi mitici come  Noce, Savage, Isère o Reventazón. In una frazione di secondo l'energia dell'acqua che corre ha preso il sopravvento ed è tornata a scorre nelle mie vene. Avrei voluto salire sulla mia  canoa e mettermi a giocare con le onde e con l'acqua bianca, ma ho chiuso gli occhi e ho respirato a fondo e, lungamente, senza prendermi pause,  mi sono ritrovato a sorridere e a godere di questa energia.  

Domani torniamo a guardare il cronometro, per oggi però ci è permesso ancora sognare...

Occhio all'onda!






0 commenti:

Posta un commento