Canoe Slalom Trials targati USA

Occhi puntati per questo fine settimanale agli States per i "Time Trials" di slalom e più precisamente a Charlotte. Tre giorni di gare dove in palio ci sarà la  la maglia a stelle e strisce per i prossimi appuntamenti internazionali. 
Al via  una sessantina di atleti in tre giorni di gare.

La stagione agonistica negli Stati Uniti d'America per la verità si era aperta una decina di giorni fa a Dickerson sul Potomac  per tre gare denominate the  "spring Race". A capo dell'organizzazione  Dana Chladek. Gare interessanti alle porte della capitale per il duello in C1 fra Fabien Lefevre e Eichfeld Casey finito 2 a 1 per il francese che ora gareggia per   gli Stati Uniti d'America. Mentre nelle altre categorie per la verità si è visto ben poco. Predominio di Lefevre e di Nee Ashley nel kayak maschile e femminile. Mi sembra, guardando le percentuali di distacco che questa piccola, bionda alteta, sia migliorata molto rispetto l'anno scorso vedremo se reggerà il confronto con una new-entry e cioè Dana Benusova. Anche quest'ultima ha cambiato nazionalità dopo il matrimonio, infatti non gareggerà più per la Slovacchia (dove aveva trovato praticamente sempre le porte chiuse con Kaliska e Dukatova) ma per gli USA, soprattutto in vista dei giochi olimpici di Rio 2016. Strana avventura per questa atleta che ad Atene 2004, ancora giovanissima, aveva fatto da apripista e per lei sembrava aprirsi un futuro ricco di successi. 

Non mi aspetto grandi sorprese dalla tre giorni di Charlotte, ma sarà comunque piacevole seguire a distanza questo avvenimento. Per la verità la squadra per il 2014 si potrebbe già fare a tavolino, ci sarà solo da decidere la posizione di ogni atleta all'interno del Team.  La formula sarà quella di prendere valide 4 discese sulle sei che si disputeranno con la clausola comunque che per  ogni giorni bisogna tenerne almeno una valida. Così facendo Sylvan Poberay, il d.t. USA, avrà in mano atleti che dimostreranno non solo di saper vincere, ma anche di tenere alla distanza.

Quindi non ci rimane che aspettare domani per i primi risultati che si possono seguire cliccando qui

Occhio all'onda!



0 commenti:

Posta un commento