Onnipotenza e nuove regole per lo slalom

 
foto di Jordi Domenjó

Ci sono brave persone nel nostro mondo, ma spesso  vengono prese dalla convinzione di esser onnipotenti tanto che, superati brillantemente la sessantina di anni, hanno pensato pure  di scendere il canale olimpico di Rio in prima assoluta e confermare che si tratta di un buon percorso. Ho usato il plurale, ma per la verità è da leggere al singolare... volevo  confondere le idee, perché io stesso non ci credevo, se non lo avessi udito personalmente dal protagonista assoluto della discesa! Avrei dovuto pure aggiungere che il canale di Rio è stato sceso  con una canoa di plastica.  Ora capisco che si possa arrivare a questa età in ottimo stato di forma, ormai ci sono vicino e grazie a Dio sono ancora in salute, ma avere la presunzione di dire di aver provato la struttura e confermarne la validità della stessa mi sembra del tutto eccessivo e fuori luogo anche  se a farlo è stato the "Chairman of Slalom Racing Committee" della International Canoe Federation. Poi  pure il servizio fotografico su Facebook in Planet Canoe. Peccato perché parliamo di uomo di grande cultura sportiva, ma che per l'appunto vuole coprire tutti i ruoli dello slalom senza limiti di sorte. Evidentemente il buon Jean Michel si sente ancora un adolescente come direbbe bene Eugenio Scalfari:Che stagione l'adolescenza. Senti di poter esser tutto e ancora non sei nulla e proprio questa è la  ragione della tua onnipotenza mentale.

Soprassediamo, perché da qui ai giochi Olimpici ne sentiremo e ne vedremo di belle. In attesa però di entrare più nel dettaglio di questo evento, che inizierà ufficialmente questo sabato con gli allenamenti delle oltre 20 nazioni presenti  e il "Test Event" o "Aquece Rio" come è stato battezzato qui, nel prossimo week-end,  guardiamo al futuro considerando il fatto che la Commissione dello Slalom ICF si è già messa in moto per cambiare alcune regole per il  2017. La cosa ha un chiaro senso politico e il messaggio che questo organo vuole mandare è quello di confermare che fino al 2020 loro si ricandideranno in questo ruolo.
Le proposte che verranno presentate ad Aprile al "Board of Directors" meeting   saranno molte per il settore slalom le più interessanti secondo me sono:

1. la proposta di vietare le pinnette nelle canoe
2. rinserire il C2 misto (ultima edizione iridata per questa specialità fu nel 1981)
3. eliminare la possibilità in coppa del mondo di organizzare le prove a squadre ed inserire la prova di "Boardin Cross"

Magari nei prossimi giorni possiamo entrare nel dettaglio e capire come e dove sta andando lo slalom in vista di Tokyo 2020.

Occhio all'onda!

0 commenti:

Posta un commento