Semplicità e fondamentali per aprire alla creatività

Lo slalom ha molte complessità ed è per questo che dobbiamo semplificare il tutto per far sì che il gioco possa diventare alla portata di tutti. Myriam Jerusalmi, madre e allenatrice di Jessica Fox, mi ricorda sempre che il nostro è uno sport molto banale considerando il fatto che  ti dicono cosa devi fare fin dalla partenza e cioè devi andare alla 1 poi alla 2 e così via fino all’ultima porta che porterà un numero compreso tra 18 e 25. Quindi sembra veramente facile basta seguire la progressione  numerica delle porte e chi arriva alla fine con meno penalità  e il prima possibile vince.
Siamo forse noi allenatori che a volte andiamo a complicare le cose con troppa teoria, che comunque passa attraverso un nostro filtro, e con mille sfaccettature psicologiche che non fanno altro che mettere in subbuglio menti e corpi che in certe situazioni si fanno facilmente influenzare da parole e atteggiamenti.  Quindi alla base di tutto ci deve essere semplicità condita con conoscenza e umiltà. A tutto ciò manca un elemento chiave e cioè la necessità di far ricercare di più  ai nostri atleti  la capacità di rispondersi considerando il fatto  che difficilmente noi possiamo avere per ogni singolo individuo la risposta corretta a priori.  Il processo di apprendimento motorio è complesso e decisamene personale e deve passare attraverso la sensibilità dello stesso atleta, altrimenti rischieremmo di creare magari anche bravi slalomisti, ma poco creativi e sensibili, qualità queste che per ottenere grandi risultati sono determinanti.
Partiamo dalla pagaiata che è il vero punto cruciale per lo slalom, considerando il fatto che tutto il resto non è altro che una sua  trasformazione ed adattamento. La centralità quindi del nostro andare dalla 1 alla 2 e così via è la propulsione, quindi è facile intuire che tutto il tempo che passeremo a lavorare su questo fondamentale non è altro che tempo guadagnato. Le cose potrebbero complicarsi se l’allenatore proponesse solo  ai propri allievi allenamenti fisici con cronometro invece di lavori, anche in gruppo,  con obiettivi tecnici facili e ben precisi. Se abbiamo detto che la pagaiata è la centralità del tutto, la pagaia diventa la sua essenza primaria. Quindi dobbiamo abituare i nostri atleti a ricercare risposte alle loro problematiche proprio partendo dal posizionamento e via via al  mutamento che la pala ha nell’acqua nel corso di determinate manovre e azioni. A questo uniremo la posizione del corpo e la relativa risposta della canoa. 

Occhio all’onda!

0 commenti:

Posta un commento