Quando lo slalom è slalom


 Il latte a Tacen è particolarmente buono, lo vado a prendere al distributore che c’è a qualche centinaia di metri dal campo di slalom. Se ci si va alla mattina presto capita di incrociare un signore dalle grandi mani e che indossa dei  gambali che gli arrivano sotto le ginocchia e giusto sopra parte  il tipico grembiule blu che da queste parti indossano i contadini. Il tipo, che di primavere deve averne viste passare almeno una settantina, rifornisce la macchina con l’ottimo prodotto bovino e, se non ho capito male, mi diceva che è prodotto proprio a pochi chilometri da qui.  
Il latte però non è la sola cosa buona che c’è da queste parti, c’è anche, a ridosso del canale,  una signora che vende i primi asparagi che nascono nel bosco, ma ha anche un ottimo miele oltre ai fichi che ha essicanto uno ad uno. Poi c'è l’aria buona e un’acqua di un colore tra il verde il blu  che , nella sua limpidezza, viene pennellata in mille sfumature da ogni  pagaia  e da ogni canoa che la solcano.
Poi c’è lui che cavalca onde, riccioli, infilandosi tra i pali verdi-bianchi e rossi-bianchi come pochi sanno fare su questa pianeta. Lui che puntuale ogni mattina, come l’uomo del latte, arriva al campo slalom, si cambia indossa la sua veste preferita di color giallo e nero carbonio e poi, dopo forse 10 pagaiate per attivarsi, si lancia sul salto con eleganza e maestria sublime. Gioca a salire su ogni onda, sembra un bimbo al mare con paletta e secchiello: mi vede, uscendo da una risalita, e mi saluta con la mano e con un sorriso. Ora mi chiedo ma quanti slalomisti, quanti campioni del suo livello (pochi per la verità) che nel mezzo di un allenamento hanno gesti e sensibilità così delicata e raffinata dando maggior importanza ad un saluto ad un amico che a una porta da fare? 

"Signori si nasce e io… lo nacqui" direbbe Totò parlando di Peter Kauzer l’uomo che danza sull’acqua con la leggerezza di una farfalla e che punge come un’ape tanto per parafrasare un altro mito dello sport…

Occhio all’onda! 

 


 


 

0 commenti:

Posta un commento